Il progetto #RealMonsters di Toby Allen.Parte 4

Nuovo appuntamento settimanale dedicato ai Real Monsters di Toby Allen.

Parte 1
Parte 2
Parte 3

DEPRESSIONE

Questo mostro  galleggia tutt’ intorno senza fine, coprendosi sempre gli occhi per nascondersi dal mondo esterno. Così facendo, va a sbattere con persone o altri mostri, procurandosi ogni volta uno stress maggiore.

Il suo unico sollievo è avvolgere la sua coda fluente attorno alla sua vittima e dividere con lei la sua depressione. La vittima ne è inconsapevole ma avvertirà pesantezza e un svilupperà uno stato di depressione profonda. Nel frattempo, il mostro assorbe ogni energia positiva del suo ospite finché non si è riempito, per poi muoversi verso un altro ospite.

 

Depressione

DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO

È un burattinaio crudele e manipolatorio che usa la paura per controllare le sue vittime. Sbatte continuamente la sua roba per terra e usa le sue piume fantasia e i suoi numerosi occhi per ipnotizzare le sue vittime, creando ossessioni intense e spaventanti, correlate spesso alla loro sicurezza o a quella delle persone care. La vittima sviluppa compulsivamente compiti a svolgere o pensieri ripetitivi per prevenire l’avverarsi delle ossessioni o per tentare di ridurre temporaneamente la paura.

Il mostro spesso non è avvistato ma la sua presenza è quasi sempre avvertita. Utilizza spesso i mostri di Ansia e Depressione per mantenere la stretta sulle sue vittime.

Disturbo Ossessivo-Compulsivo
Annunci

Il progetto #RealMonsters di Toby Allen. Parte 3

Nuovo post settimanale dedicato al progetto Real Monsters del disegnatore Toby Allen.
Parte 1
Parte 2

 

SCHIZOFRENIA

È una creatura vile che manipola le sue vittime a eseguire i suoi comandi. Usa dei gas allucinogeni secreti dai pori del suo ventre per controllare e influenzare gli altri a fare ciò che vuole. Si relaziona alle sue vittime come una voce potente e controllante nel loro subconscio.

Si trova spesso in compagnia di altri mostri come Paranoia, assumendo un ruolo più autoritario, da capomafia. Raramente avvistato, si nasconde nelle tenebre.

Schizofrenia

PARANOIA

Questo mostro usa le sue lunghe orecchie come un radar, scansionando l’area circostante alla ricerca in ogni attività. In realtà le sue orecchie sono quasi inutili, poiché consistono di una sottile cartilagine accartocciata ricoperta di pelo; in questo modo i suoni spesso giungono confusi e con un ovattato significato paranoico e il mostro trasmette alle sue vittime cose sbagliate.

Si nutre dell’ansia e della paura, sentimenti che crea intenzionalmente nelle sue vittime e lavora con altri mostri come Schizofrenia e Ansia, con i quali condivide una biologia simile.

Paranoia

Il progetto #RealMonsters di Toby Allen.Parte 2

Secondo post dedicato al progetto Real Monsters del disegnatore Toby Allen: ho iniziato a parlarne QUI.

DISTURBO DI PERSONALITÀ EVITANTE

Questo mostro è simile a quello dell’Ansia Sociale ma ha dimensioni un po’ più ridotte e preferisce vivere in superficie. Trascorre gran parte del suo tempo nascosto tra gli alberi, usando le sue ali, simili a foglie, per camuffarsi e nascondersi da tutto e tutti.
Ha un’apparenza sgradevole per scongiurare il contatto con altri mostri ma in realtà è dolce e gentile e ha una bellezza delicata della quale è esso stesso inconsapevole. Interagisce innocentemente con le sue vittime, desiderando farci amicizia ma passandogli inconsapevolmente le sue proprie ansie e paure attraverso le spore contagiose che rilascia dalla coda.

Disturbo di personalità evitante

 

DISTURBO DI PERSONALITÀ BORDERLINE

Questo mostro è uno dei più delicati ma forse tra i più sinistri. Si riuniscono in piccoli sciami intorno alle loro vittime e usano i ferormoni per aumentarne le emozioni prima di nutrirsi di energie emotive. Si nutrono di ogni emozione ma preferiscono i sentimenti della depressione.

È fatto quasi interamente di un ghiaccio limpido che lo rende invisibile. Solo la sua coda a forma di foglia d’acero è visibile a occhio nudo e sembra una foglia cadente. A volte, quando si rimpinza troppo di emozioni, può esserne sopraffatto e frantumarsi come vetro.

Disturbo di personalità borderline

 

Il progetto #RealMonsters di Toby Allen. Parte 1

Girovagando per il web, per la precisione su Pinterest, mi sono imbattuta in una serie di disegni che rappresentano i “mostri” che turbano la salute mentale. Incuriosita sia dall’aspetto psi- che da quello artistico, sono approdata sul blog ZestyDoesThings per saperne un po’ di più.
L’autore è il disegnatore Toby Allen, che ha iniziato a disegnare i suoi Real Monsters per dare sostanza alle problematiche mentali, rendendole più tangibili e affrontabili. Toby conosce in prima persona l’ansia e questo progetto ha per lui una valenza catartica: man mano che i suoi mostri “prendevano corpo” li vedeva via via più deboli e contrastabili. Questo lo ha spinto a disegnare anche i mostri delle persone a lui vicine, non prima di accurate ricerche in merito. Ci tiene a sottolineare che il suo lavoro non vuole tanto avere una valenza scientifica, ma piuttosto aiutare a rendere più concrete queste problematiche.
I disegni hanno avuto molto successo e su richiesta dei suoi lettori ha aperto uno store on line e sta pensando di farne un libro.

Ho mandato una mail a Toby prima di tutto per congratularmi con lui e per chiedergli il permesso di pubblicare i suoi disegni, insieme alla traduzione in italiano. È stato molto gentile e mi ha chiesto di linkargli l’articolo, perciò se volete lasciargli un messaggio scrivetelo pure nei commenti 🙂

Per rendere più fruibile la lettura pubblicherò le illustrazioni a puntate: partiamo con i mostri dell’Ansia e dell’ansia Sociale. La traduzione è mia: se qualche esperto dovesse notare errori o inesattezze, ogni correzione sarà ben accolta.

ANSIA
Il Mostro dell’Ansia è abbastanza piccolo da sedersi sulla spalla delle sue vittime e sussurrare cose al loro inconscio, elicitando pensieri paurosi o preoccupazioni irrazionali. Spesso è ritenuto debole se comparato agli altri, ma è uno tra i più comuni ed è molto dura sbarazzarsene.

Questo tipo di mostro spesso porta con sé  piccoli oggetti connessi alle ansie delle sue vittime, come orologi che rappresentano una comune ma irrazionale paura delle cose che non potrebbero mai accadere. Nessuno lo ha mai visto in faccia perché indossa sempre una maschera a forma di teschio.

Ansia

ANSIA SOCIALE

Il mostro dell’Ansia Sociale trascorre gran parte della sua vita sottoterra o in aree protette appartate. Per questo motivo la sua pelle appare pallida e anemica, tranne per le dure squame che servono da innecessaria arma di difesa. Questi mostri appartengono alla stessa famiglia biologica dei mostri dell’Ansia e della Paranoia ma a causa del loro stile di vita estremo si sono evoluti in maniera abbastanza differente.

Il Mostro trascorre gran parte del suo tempo in ibernazione ma proietterà i suoi influssi sugli ospiti umani nella speranza di vivere la vita ordinaria che non potrebbe mai avere. In questo processo, il mostro trasmette le sue proprie ansie alla vittima, così sia umano che mostro vivono esperienze simili di paure o preoccupazioni sociali irrazionali.

Ansia sociale