Quando le preoccupazioni non ci fanno dormire

insomnia.shutterstock_755464481.jpg

Quando siamo preoccupati per qualcosa – un esame, una risposta che stiamo attendendo,… – prendere sonno è molto difficile. Ci giriamo e rigiriamo nel letto ma la mente è troppo presa sa questi pensieri per permetterci di riposare in tranquillità.

A questo tema ho dedicato un articolo sul blog  “Materassi da sonno”, dove  elenco alcune piccole strategie da utilizzare all’occorrenza.
Materassi da sonno è un sito per chi cerca informazioni sui sui materassi, ma anche sull’arredamento della camera da letto e il dormire bene. Partendo dall’esperienza personale, Elena offre nel suo blog consigli, news, informazioni e suggerimenti sulla scelta del materasso più adatto alle proprie esigenze con spiegazioni precise, complete e aggiornate.
Con questo articolo diamo il via a una collaborazione per cui tratterò gli aspetti più psicologici connessi alle problematiche del sonno. Se già siete lettori di PsicoLinee vi invito a seguire anche questa nuova avventura e a interagire con noi commentando, facendo domande e proponendo argomenti.
Concludo ringraziando Elena per avermi proposto questa idea: fare rete aiuta a perseguire meglio un obiettivo comune!

Annunci

La social “sfida delle mamme”: appello alla coerenza.

Se siete utilizzatori di Facebook avrete sicuramente notato negli ultimi giorni la diffusione di una catena che recita più o meno così:

Sfida delle mamme. Sono stata nominata da ……. per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”

Non mi soffermo sull’opportunità di pubblicare o meno le foto dei propri bambini sui social, ritenendo sufficiente quanto indicato sulla pagina della Polizia di Stato Una vita da social :

social

Sono rimasta molto colpita dall’aggettivo “grande“. Questa catena si rivolge alle grandi madri che a loro volta devono individuarne di altrettanto grandi. Diciamo al mondo (social) che siamo grandi, io lo dico a te e tu lo dici a me. Distinguiamoci dalla plebe.
Purtroppo fuori da Facebook non è così. Ci sono madri che non solo non hanno nessuno/a a dire loro che sono grandi, ma non hanno nemmeno un orecchio che le ascolti quando hanno un dubbio sul loro ruolo materno o avvertono una sofferenza che non sanno come affrontare. Queste mamme vivono nel silenzio, finché non finiscono sulle pagine di cronaca perché il loro malessere le ha portate a compiere gesti drammatici.

Ci sono donne che vorrebbero tanto diventare mamme ma non riescono; altre non lo desiderano ma si sentono comunque realizzate e soddisfatte. Ognuna ha il suo percorso con le sue cicatrici, tutte uniche e diverse. Perché fare una classificazione in termini di grandezza?

In questi giorni, in concomitanza con le difficoltà che il ddl Cirinnà sta incontrando nel suo iter parlamentare, si dibatte molto in tema di diritti. Non  trovo casuale la diffusione di questa catena, perché in alcune pagine che la diffondevano ho trovato riferimenti contro “coppie di fatto”, “uteri in affitto” e “adozioni gay”, “procreazione naturale” etc.
Sono temi che non possono essere affrontati così alla leggera. Informiamoci, discutiamo, confrontiamoci, leggiamo, ascoltiamo…ma non limitiamoci a condividere la prima catena in cui vediamo apparire il nostro nome. Prima di pretendere rispetto per la propria opinione, impariamo a rispettare prima quella altrui.
Questo vale anche per coloro che colorano il proprio profilo social con bandiere arcobaleno e poi condividono immagini e affermazioni omofobe e razziste.
Coerenza signori, coerenza.

Multitasking? No, grazie!

861376-multitaskingcopy-1427729477-710-640x480.jpg

Viviamo in un’epoca frenetica, fatte di cose da fare, informazioni da gestire, risposte da dare. Abbiamo poco tempo per tutto e tutti.
Ci hanno spiegato che se impariamo a fare più cose contemporaneamente saremo più efficienti. Dobbiamo diventare dei computer viventi: processare, elaborare, pronti,via.  Lo sa bene chi si trova a dover gestire lavoro, casa, coppia e figli tutto  nella stessa vita.
Così diamo diventati una generazione multitasking: con una mano rispondiamo alle e-mail di lavoro sullo smartphone mentre con l’altra impastiamo una torta; con un orecchio stiamo al telefono e con un occhio buttiamo lo sguardo a chi è seduto di fronte a noi live.

Quello che si sono dimenticati di dirci ( o forse, ci siamo dimenticati noi stessi) è che il cervello ci illude di essere multistaking: in realtà può processare al massimo due informazioni insieme, il resto viene gestito in maniera sequenziale. Inoltre, fare (e pensare) troppe cose insieme rischia di sovraccaricare il cervello di stimoli, provocando effetti collaterali:

“Quando la gente pensa di fare multitasking, in realtà sta solo passando da un compito a un altro molto rapidamente . E ogni volta che lo fa, c’è un costo cognitivo”
(Earl Miller, neuroscienziato)

L’abitudine al multistaking può farci cadere nel circolo vizioso della dopamina, come sostiene lo studioso Daniel J. Levitin , direttore del Laboratory for Music, Cognition and Expertise alla McGill University:

“Si è visto che il multitasking aumenta la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress, e di adrenalina, l’ormone del “lotta o scappa”, che può stimolare eccessivamente il cervello e causare annebbiamento o pensieri disturbati . Il multitasking crea un circolo vizioso di dipendenza dalla dopamina, premiando effettivamente il cervello a perdere la concentrazione e a cercare stimoli esterni. A peggiorare le cose, la corteccia prefrontale ha una “distorsione da gadget”, il che significa che la sua attenzione può essere facilmente distratta da qualcosa di nuovo.”

Tutto ciò dovrebbe esser sufficiente a dissuaderci da compiere comportamenti pericolosi come utilizzare il telefono per chiamare o messaggiare mentre si è al volante o in altre situazioni in cui è richiesta vigilanza.

Tornando invece alla quotidianità, quali sono le azioni che compiamo quai quotidianamente in modalità multitasking senza accorgercene? Con quali risultati? Come potremmo svolgerle diversamente?
Commentate qui sotto se vi va… e se non state facendo altro.

Lasciarci o non lasciarci? Capire se la coppia merita di essere salvata

coppia_in_crisi1.jpg

La vita di coppia non è quasi mai idilliaca come nelle fiabe. Anzi, a dirla tutte, nelle fiabe le coppie hanno a che fare con draghi, mostri e streghe assortite prima di giungere al fatidico happy end.
Ci sono però problemi che ci trascinano a lungo, facendo precipitare la coppia in un periodo di crisi.
Come capire se si tratta solo di una fase transitoria o se si è già al capolinea?
In assenza di una formula matematica, ritengo sia utile provare a focalizzarsi su una serie di aspetti:

  • qualità del tempo condiviso;
  • divertimento;
  • valori condivisi;
  • rispetto;
  • litigi;
  • sostegno;
  • attrazione;
  • investimento comune.

Per una trattazione più dettagliata vi rimando all’articolo che ho scritto per Psicologi Online, mentre se avete già deciso di intraprendere una terapia di coppia o desiderate maggiori informazioni potete contattarmi attraverso i recapiti presenti in questa pagina.

Non si può piacere a tutti

file8241249758317.jpg

Un vecchio faceva il cammino con il figlio giovinetto. Il padre e il figlio avevano un unico piccolo asinello: a turno venivano portati dall’asino ed alleviavano la fatica del percorso. Mentre il padre veniva portato e il figlio procedeva con i suoi piedi, i passanti li schernivano: “Ecco,” dicevano “un vecchietto moribondo e inutile, mentre risparmia la sua salute, fa ammalare un bel giovinetto”. Il vecchio saltò giù e fece salire al suo posto il figlio suo malgrado. La folla dei viandanti borbottò: “Ecco, un giovinetto pigro e sanissimo, mentre indulge alla sua pigrizia, ammazza il padre decrepito”. Egli, vinto dalla vergogna, costringe il padre a salire sull’asino. Così sono portati entrambi dall’unico quadrupede: il borbottìo dei passanti e l’indignazione si accresce, perché un unico piccolo animale era montato da due persone. Allora parimenti padre e figlio scendono e procedono a piedi con l’asinello libero. Allora sì che si sente lo scherno e il riso di tutti: “Due asini, mentre risparmiano uno, non risparmiano se stessi”. Allora il padre disse: “Vedi figlio: nulla è approvato da tutti; ora ritorneremo al nostro vecchio modo di comportarci”.
( “Favole” di Esopo – “Il contadino, il figlio e l’asino”)

La morale di questa favola  è molto semplice: non possiamo piacere a tutti. Ognuno ha il suo punto di vista e troverà sempre qualcosa da ridire. C’è chi lo fa con cattive intenzioni, chi invece tende a giudicare a prescindere dalla malafede. Cercare di compiacere tutti significa privarsi della libertà di essere noi stessi: sacrifichiamo la nostra identità plasmandola a misura di chi abbiamo di fronte.
Sta di fatto che non possiamo comandare i pensieri altrui; concentriamoci pertanto sui noi stessi e su come rispondiamo alle critiche.

Innanzitutto, non partiamo dal presupposto che verremo sempre e comunque mal giudicati. Spesso siamo noi i  nostri più feroci e impietosi critici.
Concentriamoci sulle nostre risorse.
Se ravvisiamo una debolezza, pensiamo a come usarla a nostro vantaggio. Spesso vediamo i difetti come tali perché li paragoniamo a una media che riteniamo essere l’ideale.
Circondiamoci di persone positive: le loro osservazioni saranno costruttive e non distruttive.
In generale, impariamo a usare le nostre energie sui noi stessi e non disperdiamole cercando l’approvazione di tutti.

Cercare di compiacere gli altri può essere una modalità che abbiamo appreso da piccoli o in risposta a un evento importante della nostra vita. Ciò può influire negativamente sulla nostra autostima e sulle nostre modalità di vivere le relazioni.
Se tutto ciò ci arreca sofferenza e rende difficoltosa la nostra quotidianità, parlarne con uno psicologo può essere utile per capire cosa succede e trovare insieme delle nuove soluzioni per stare meglio.

(Ti consiglio di leggere anche questi approfondimenti sull’insicurezza in amore , sulle preoccupazioni per il proprio aspetto fisico e sull’autocriticismo)

The present: un cane, un bambino, l’amore

“The present” ( Il regalo) è un  cortometraggio animato realizzato da Jacob Frey per la sua tesi presso la Filmakademie di Ludwigsburg.
In poco più di 4 minuti racconta una storia emozionante: un bambino assorto dai videogiochi riceve in dono un cagnolino…con tre sole zampe. Irritato dal “difetto” del regalo torna a concentrarsi su ciò che stava facendo prima. Il cucciolo però non ha nessuna intenzione di demordere e…guardate come va a finire!

 

 

Non è un bellissimo modo per iniziare la settimana? 😉

Messaggiare di notte può peggiorare il rendimento scolastico

o-TEXTING-LANGUAGE-facebook

Un nuovo studio pubblicato su Journal of Child Neurology afferma ciò che tanti genitori spesso ipotizzano: messaggiare di notte può incidere negativamente sul rendimento scolastico degli adolescenti. Le ragioni sono in parte intuitive: così facendo si prende sonno tardi, al mattino si avverte sonnolenza e i ritmi sonno-veglia si alterano.

Questa ricerca in particolare si è focalizzata sull’utilizzo di applicazioni di messaggistica istantanea. L’autrice Xue Ming si è interessata al tema dopo aver notato che molti dei suoi pazienti con disturbi del sonno riportavano l’abitudine di messaggiare fino a notte fonda. Ming ha così somministrato un questionario a 1537 ragazzi allievi di 3 high schools del New Jersey.

Si è osservato che chi spegneva lo smartphone/tablet usato per messaggiare in concomitanza con lo spegnimento delle luci della camera da letto, o che al massimo messaggiava per meno di mezz’ora , aveva un miglior rendimento scolastico rispetto a chi andava avanti oltre i 30 minuti. In particolare, le ragazze inviano molti più messaggi rispetto ai ragazzi, ma dimostrano meno sonnolenza notturna perché una volta andate a letto non continuano a scrivere fino a tardi.

Anche gli adulti avranno notato la difficoltà a prendere sonno dopo l’utilizzo di dispositivi elettronici: ciò è dovuto alla blue light degli schermi. In una stanza buia i suoi effetti sul rilascio della melatonina sono intensificati, rendendo difficile addormentarsi. In pratica, se durante la notte, nel buio della nostra stanza, il nostro smartphone si illumina per una notifica avviene un’interruzione della graduale transizione da veglia a sonno. A lungo andare questa consuetudine può incidere sul nostro ritmo circadiano.

I ragazzi dello studio mostravano un calo del rendimento perché l’utilizzo di smartphone e tablet durante la notte accorcia la fase del sonno R.E.M. , cruciale per l’apprendimento e il consolidamento della memoria.

Ming evidenzia l’utilità di promuovere un’educazione sul sonno come necessità biologica e non come lusso superfluo. Allo stesso tempo sottolinea i benefici della messaggistica nella prima serata: ad esempio facilita la collaborazione per i progetti scolastici e offre supporto emozionale.

Se hai difficoltà a prendere sonno, in un mio post di qualche tempo fa trovi altri consigli.
Mi raccomando: se stai leggendo questo post invece di dormire…spegni e continua domani! 😉

Amore: quando una relazione è “tossica”.

L’amore, si sa, è una faccenda complicata.
Se poi il partner presenta determinate caratteristiche, la relazione diventa una vera e propria bomba a orologeria. A questo tema ho dedicato l’articolo pubblicato da Psicologi Online in questi giorni.
Volutamente non ho parlato per categorie diagnostiche (narcisisti, borderline,…)  ho preferito soffermarmi su alcuni aspetti e comportamenti trasversali.
Nell’augurarvi buona lettura, oggi voglio anche lasciarvi un sottofondo musicale: Tainted Love, nella versione originale dei Soft Cell 😉

Leggi: Le relazioni “tossiche”. Quando il partner ci avvelena.

Sometimes I feel I’ve got to
Run away I’ve got to
Get away
From the pain that you drive into the heart of me
The love we share
Seems to go nowhere
And I’ve lost my light
For I toss and turn I can’t sleep at night

(Ti capita spesso di ritrovarti in relazioni di questo genere e vorresti capire perché capitano tutte a te? Prenota un colloquio e lavoreremo insieme per comprendere cosa ti spinge ad avvicinarti a questo tipo di situazioni.)