La social “sfida delle mamme”: appello alla coerenza.

Se siete utilizzatori di Facebook avrete sicuramente notato negli ultimi giorni la diffusione di una catena che recita più o meno così:

Sfida delle mamme. Sono stata nominata da ……. per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”

Non mi soffermo sull’opportunità di pubblicare o meno le foto dei propri bambini sui social, ritenendo sufficiente quanto indicato sulla pagina della Polizia di Stato Una vita da social :

social

Sono rimasta molto colpita dall’aggettivo “grande“. Questa catena si rivolge alle grandi madri che a loro volta devono individuarne di altrettanto grandi. Diciamo al mondo (social) che siamo grandi, io lo dico a te e tu lo dici a me. Distinguiamoci dalla plebe.
Purtroppo fuori da Facebook non è così. Ci sono madri che non solo non hanno nessuno/a a dire loro che sono grandi, ma non hanno nemmeno un orecchio che le ascolti quando hanno un dubbio sul loro ruolo materno o avvertono una sofferenza che non sanno come affrontare. Queste mamme vivono nel silenzio, finché non finiscono sulle pagine di cronaca perché il loro malessere le ha portate a compiere gesti drammatici.

Ci sono donne che vorrebbero tanto diventare mamme ma non riescono; altre non lo desiderano ma si sentono comunque realizzate e soddisfatte. Ognuna ha il suo percorso con le sue cicatrici, tutte uniche e diverse. Perché fare una classificazione in termini di grandezza?

In questi giorni, in concomitanza con le difficoltà che il ddl Cirinnà sta incontrando nel suo iter parlamentare, si dibatte molto in tema di diritti. Non  trovo casuale la diffusione di questa catena, perché in alcune pagine che la diffondevano ho trovato riferimenti contro “coppie di fatto”, “uteri in affitto” e “adozioni gay”, “procreazione naturale” etc.
Sono temi che non possono essere affrontati così alla leggera. Informiamoci, discutiamo, confrontiamoci, leggiamo, ascoltiamo…ma non limitiamoci a condividere la prima catena in cui vediamo apparire il nostro nome. Prima di pretendere rispetto per la propria opinione, impariamo a rispettare prima quella altrui.
Questo vale anche per coloro che colorano il proprio profilo social con bandiere arcobaleno e poi condividono immagini e affermazioni omofobe e razziste.
Coerenza signori, coerenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...