#1cosabella : campagna social per ritrovare il bello della vita

Dal mio ultimo post sul blog sono cambiate molte cose. Credo che nessuno di noi  avrebbe mai immaginato che ci saremmo trovati nel pieno di una pandemia. Per il bene di tutti ci è stato chiesto di restare nelle nostre case, uscendo solo se strettamente necessario.

Strano, vero? Una società che ci impone(va) di essere veloci, sempre sul pezzo, pronti a correre ovunque e comunque. Guai a restare indietro, chi si ferma è perduto, non voltarti mai, testa sempre rivolta al futuro.
Respirare? Quasi una perdita di tempo. Impresa difficile poi, con tutto questo smog.

Questa stessa società adesso si è vista letteralmente togliere il respiro dal coronavirus (SARS-CoV-2 per essere tecnici). L’imperativo categorico è diventato fermarsi.
Ci ritroviamo improvvisamente con un sacco di tempo libero, noi che prima non sapevamo nemmeno cosa fosse. Eppure lo viviamo male perché ci è stato “imposto” . Siamo smarriti, improvvisamente disconnessi da ciò che ci circondava quando uscivamo di casa. Abbiamo perso le nostre piccole abitudini, dal caffè al bar alla chiacchierata con il panettiere (qualche giorno fa su facebook ho descritto il mio status di terapeuta a distanza) , dalla cena fuori al ritrovo in casa di amici.

Siamo dovuti diventare tutti più smart: formazione, lavoro, intrattenimento e socialità forzatamente online. Abbiamo riscoperto la piccola manualità casalinga: cuciniamo, puliamo, riordiniamo. Ci ricordiamo di avere libri da leggere, lampadine da cambiare e calzini da rammendare.

All’esterno delle nostre mura domestiche sta succedendo qualcosa che non possiamo controllare direttamente. Abbiamo fame di certezze, ora più che mai.

90160020_2472118079716373_1329182310985105408_o

C’è un altro contagio su cui vorrei soffermarmi: le brutte notizie.
Parto dal presupposto che un’informazione corretta sia utile e doverosa. Cittadini consapevoli mettono in atto comportamenti altrettanto consapevoli.
Eppure in questo momento non c’è un canale tv che non parli continuamente di coronavirus, per non parlare dei social, dove siamo appetibili prede per gli sciacalli delle fake news. Che cosa dire dei gruppi WhatsApp? C’è sempre qualcuno che condivide una “bufala” a tinte fosche: cospirazioni mondiali (meglio ancora aliene), falsi sistemi di autodiagnosi, audio terrificanti di presunti operatori sanitari.

…e se tutti insieme provassimo a fare qualcosa?

  • Seguiamo le norme di sicurezza, a tutela della salute nostra e altrui;
  • Teniamoci aggiornati tramite i canali istituzionali;
  • Riflettiamo prima di condividere una notizia negativa, domandandoci se possa essere utile;
  • Verifichiamo tutte le fonti ( suggerisco l’ottimo bufale.net ) ;
  • Impegniamoci,  almeno una volta al giorno, a trovare e condividere qualcosa di bello che ci è successo, abbiamo visto, etc…

Ho lanciato la campagna social #1cosabella con l’idea di aiutarci a ritrovare il bello della vita di tutti i giorni. Ripeto, nessuno dice di dimenticare ciò che sta succedendo, né di rifugiarci nel mondo delle fiabe: dobbiamo continuare ad essere consapevoli e attenti. Ma abbiamo bisogno di ricordarci che “positività” non è solo un termine negativo legato a una malattia: una mente che si nutre di emozioni negative precipita in una spirale di negatività ulteriore.

Per partecipare :

  • cerca #1cosabella della tua giornata, anche se ti sembra banale o poco rilevante non importa. Astieniti dal giudizio;
  • condividila online con l’hashtag #1cosabella ;
  • diffondila anche offline: raccontala a qualcuno per telefono, cantala sotto la doccia, disegnala su un cartellone,…;
  • fai passaparola!

Ti ricordo che la mia attività professionale è momentaneamente solo a distanza , cioè via telefono o videoconsulenza. Per prenotare il tuo appuntamento puoi contattarmi ai recapiti presenti in questa pagina.

 

Posa quel guscio, non sei Calimero!

Ecco, siamo quasi a fine gennaio e ancora la tua vita non è cambiata.
Scommetto che avevi riposto tutte le tue speranze nel 2020, per poi scoprire che trattasi di anno bisestile (o meglio bisesto e quindi funesto).
Hai passato l’ultimo trimestre del 2019 a convincerti che la svolta sarebbe arrivata così come si cambia un calendario appeso alla parete.
A quanto pare non è successo nulla nemmeno quest’anno, eppure ci hai sperato un po’ più del solito visto che coincide con l’inizio di un nuovo decennio.

immagine-calimero-1

Se ti ritrovi in queste frasi, continua a leggere: il mio primo post del 2020 ( quindi sì, anche del nuovo decennio) è dedicato ai calimeri.
Definisco Calimero colui/colei che si piange addosso e fa del vittimismo il suo alibi.
( NdA, di per sé Calimero è un pulcino molto carino e da piccola seguivo una sua serie animata, quindi nulla di personale!)

Dicevamo, dunque, che la tua vita non è cambiata nemmeno stavolta. Stai fissando il cielo con il naso all’insù domandandoti se prima o poi arriverà il segno che aspettavi. Siccome non arriva nulla da nessuna parte ti sei messo un bel guscio rotto in testa e te la prendi con il mondo: nessuno ti capisce , nessuno ti ama, nessuno ti ascolta, …
Sei così preso dalle lamentele che nemmeno ti accorgi che qualcuno c’è ma il tuo vittimismo fa fuggire tutti a gambe levate. Non decidi di fare nulla di nuovo perché tanto ogni iniziativa è destinata al fallimento. Fai sempre le stesse cose, negli stessi posti e con le stesse persone: non ti sta bene ma almeno hai la certezza della lamentela. Perché rischiare di introdurre un elemento di novità se tanto tutto è destinato ad andare male?

La passività è nemica del cambiamento. Non c’è nessun’altra svolta a parte quella che deciderai tu. Soltanto quando smetterai di impiegare tutte le tue energie a lamentarti potrai fare qualcosa per il tuo bene. Ti farebbe piacere avere a che fare con una persona che vede sempre tutto nero e non si accorge di quello che ha? Ti sei risposto da solo.
Posa quel guscio, non sei Calimero!

Se ti senti un po’ Calimero e hai deciso di dare attivamente una svolta alla tua vita, puoi chiedermi informazioni e/o fissare un colloquio ( in studio a Torino o, a seconda dei casi, in videoconsulenza), tramite i recapiti presenti in questa pagina

Fame nervosa: parliamone insieme . Evento a Torino

Con l’espressione “fame nervosa” siamo soliti definire ciò che in psicologia chiamiamo “emotional eating“, cioè quell’insieme di comportamenti alimentari in cui si mangia per cercare di gestire un’emozione.

My Post copy (1).jpg

A questo tema dedicherò il primo evento del 2019 presso il mio studio: parleremo insieme delle cause principali del fenomeno, dei suoi segnali e delle strategie per imparare ad avere un comportamento alimentare più consapevole. Vedremo perché il cibo non è un nemico malvagio e quali meccanismi psicologici si celano dietro il fallimento di molte diete.

Data la capienza della sala, il numero di partecipanti ha un limite massimo.
Questo incontro si terrà sabato 26 gennaio 2019  dalle 15:00 alle 16:30 e avrà un costo di 15 € a persona (Verrà chiesta ulteriore conferma il giorno prima in modo da permettere la partecipazione a chi realmente interessato) .

Per iscrizioni e informazioni:

  • Telefonare o inviare un messaggio WhatsApp al numero 3454551671
  • scrivere tramite il modulo presente in questa pagina

…vi aspetto in Corso Duca degli Abruzzi 42! 🙂

I 7 nemici della felicità – 5 : l’autopunizione eccessiva dopo un errore

Errare è umano, autopunirsi in maniera esagerata è diabolico: potremmo sintetizzare così il quinto nemico della felicità.

annie-spratt-631066-unsplash.jpg
Photo by Annie Spratt on Unsplash

Ciascuno di noi reagisce in modo differente dopo aver commesso un errore. Qualcuno trova insopportabile la sola idea di sbagliare e quindi fa finta di nulla, c’è chi si assume le sue responsabilità e tenta di rimediare e chi ancora si colpevolizza in maniera sproporzionata.

Il senso di colpa è ciò che ci dice che abbiamo sbagliato rispetto a un qualcosa di atteso o normato, socialmente o internamente. Non è necessario che ciò accada davanti a un pubblico ( come succede invece per il senso di vergogna, che si prova in relazione a qualcuno). Funziona un po’ come un avviso che ci spinge a riparare quanto fatto o non fatto; è la molla che ci spinge a chiedere scusa, a migliorarci e ad essere più attenti in futuro.

Se diventa sproporzionato in termini di tempo e intensità, questo avviso diventa un macigno che ci ostacola, spesso attraverso il rimuginio. Avremo paura del ripresentarsi di condizioni simili e il timore di sbagliare ancora ci impedirà di agire.
Mantenere il focus concentrato sui propri errori a lungo, senza spostarlo sulle azioni riparative è inoltre un dispendio di energie. Ha più senso piangersi addosso o provare a cercare una soluzione?

Per chiedermi ulteriori informazioni e/o fissare un colloquio ( in studio a Torino o, a seconda dei casi, in videoconsulenza), puoi contattarmi tramite questa pagina

 

 

Vampiri energetici: se li conosci li eviti

Si comportano come se tutto gli fosse dovuto.
Credono che l’intero universo ruoti attorno a loro.
Sono eterni protagonisti che pretendono costante attenzione.
Le loro emozioni, positive o negative che siano, sono le uniche con dignità di esistere.
Non conoscono il significato della parola empatia, né gli interessa saperlo.

riccardo-annandale-140624-unsplash.jpg
Photo by Riccardo Annandale on Unsplash

Sono i cosiddetti “vampiri energetici”: persone che mettono al centro di ogni interazione loro se stesse, i loro pensieri, i loro vissuti. Sono emotivamente immature: proprio come i vampiri risucchiano letteralmente le energie altrui, senza dare nulla in cambio perché questo potrebbe indebolirle. Dopo aver interagito con loro si rimane in preda di un mix di emozioni negative che vanno dalla rabbia all’angoscia, dalla stanchezza alla frustrazione.

Il vampiro energetico sa essere inizialmente molto ammaliante: si presenta bene, può anche emanare un certo fascino. Fa sentire la sua “vittima” importante è fondamentale, come se fosse l’unica persona degna delle sue confidenze e richieste. In realtà le sta tracciando un cerchio intorno: per stringerlo sempre più può fare ulteriormente leva sul falso senso di importanza, se non sui sensi di colpa.
La verità è che la vittima non è affatto indispensabile per il vampiro. Una o l’altra non fa molta differenza, l’importante è avere una persona da usare come “cestino dalla spazzatura”.

Per difendersi da questi attacchi è importante lavorare su due fronti: rinforzare se stessi e indebolire gli assalti.
Il primo punto consiste nel diventare emotivamente più forti, riconoscendo il proprio valore. Chi ha una buona autostima è consapevole di quanto sia preziosa la sua interiorità e non si fa irretire da chi promette una falsa importanza. Sa che il suo tempo è prezioso e non lo mette a disposizione di chi è abituato a prendere senza mai donarsi. Non accetta di farsi contaminare dalla negatività di chi crede di avere sempre il diritto di lamentarsi o di farsi mettere i piedi in testa da chi si reputa migliore a prescindere.

Il secondo punto prevede innanzitutto la valutazione del tipo di legame che si ha con il vampiro. Molte di queste persone infatti sono molto abili a creare relazioni nei luoghi più disparati: palestre, corsi, sale d’aspetto, bar,… fanno sentire la loro vittima selezionata tra tante e quindi ancora più (falsamente) indispensabili. Se così è, la relazione non ha più ragion d’essere.
Se invece il vampiro è un familiare o comunque una persona intima, gli attacchi possono essere respinti ponendo un limite al tempo e ai contenuti: bisogna imparare a chiudere una telefonata prima che diventi insopportabile, riuscire a cambiare argomento,…insomma mettere dei veri e propri paletti.

L’autostima è il nostro talismano contro i vampiri energetici.

 

Ti trovi spesso nella condizione di essere “vampirizzato”? Non sai come dire di no all’ennesima richiesta insulsa? Permetti alle negatività altrui di contaminarti senza provare a difenderti? Sin dall’infanzia facevi così perché ti hanno insegnato che bisogna sempre essere educati, anche a discapito del proprio benessere? Prenota un appuntamento presso il mio studio (o una videoconsulenza via Skype) telefonando al numero 3454551671 o compilando questo modulo. Insieme lavoreremo sulla tua autostima!

L’alimentazione consapevole (Mindful Eating)

Per definire il concetto di alimentazione consapevole (mindful eating) potremmo partire dal significato di connessione, termine ormai entrato a far parte della nostra quotidianità.
Siamo connessi con il web, con il mondo, con gli amici, i follower…viviamo immersi in una quantità di stimoli, talvolta ne siamo così sovraccarichi da perdere di vista il “qui ed ora” . Non siamo presenti a noi stessi, ci muoviamo come se avessimo avviato il pilota automatico: nemmeno ci accorgiamo di ciò che stiamo facendo.
Anche la nostra alimentazione risente della non-consapevolezza : questo tipo di disconnessione è alla base di molti comportamenti alimentari distorti, fallimenti con le diete, difficoltà a osservare regimi prescritti per particolari patologie mediche.
Mangiamo quasi per abitudine, non ascoltiamo il nostro corpo né i segnali che ci invia: andiamo oltre la sazietà, siamo sempre di fretta, i pasti diventano il sottofondo ad altre attività come lavorare o guardare la televisione.

etienne-pauthenet-153636-unsplash.jpg
Photo by Etienne Pauthenet on Unsplash

Alla base di un’ alimentazione non- consapevole possono esserci abitudini errate apprese nella famiglia d’origine o nel corso degli anni; diete “fai da te” o mal prescritte che hanno compromesso il rapporto con il cibo; gestione “emotiva” per cui mangiare diventa un modo per gestire le emozioni ( il cosiddetto emotional eating o fame emotiva). Anche se non sempre sfociano in un vero e proprio Disturbo del comportamento alimentare, queste cause incidono negativamente sul benessere.

L’alimentazione consapevole fa parte di uno stile di vita sano, attento al benessere, in cui mente e corpo sono connessi nel momento presente. Significa, per esempio:

  • Riconoscere per tempo i segnali della sazietà, prima di arrivare al punto di “scoppiare”;
  • Prendersi i propri tempi per i pasti, senza fretta o eccessiva lentezza;
  • Perdonarsi ed essere flessibili con se stessi in caso di strappi alla regola;
  • Distinguere la fame fisiologica da quella prettamente emotiva;
  • Scegliere cosa piace e cosa non piace;
  • Distinguere tra ciò che fa male e va limitato, ciò che è vietato per motivi di salute e ciò che può essere mangiato più spesso;
  • Non provare vergogna a mangiare qualcosa di diverso davanti ad altri o a chiedere variazioni a una pietanza in un ristorante ( patate arrosto anziché fritte come contorno, una pizza senza mozzarella,…)

 

Chi è reduce da anni di diete ha ormai acquisito competenze in campo nutrizionale per cui potrebbe prendere una laurea honoris causa, allora perché non riesce a raggiungere/mantenere il peso forma? Semplice: confonde la “competenza” con la consapevolezza. La prima è teorica, la seconda si esprime attraverso la connessione mente – corpo nel momento presente.

Sei alla ricerca di un percorso di alimentazione consapevole (mindful eating), vuoi migliorare il rapporto con il tuo cibo, capire cosa può aver fatto fallire anni di diete? C’è un percorso apposta per te! Per iscrizioni e/o informazioni, visita questa pagina o telefona al numero 3454551671. Potremo prendere un appuntamento presso il mio studio a Torino o fissare una videoconsulenza.

Imparare a gestire la rabbia

Ah, la rabbia! Quanti di noi vorrebbero farne a meno?
La verità è che della rabbia non possiamo/dobbiamo farne a meno: semmai ciò a cui dovremmo aspirare è a una gestione corretta della rabbia, un po’ come disse Aristotele:

Tutti sono in grado di arrabbiarsi, è facile…ma arrabbiarsi con la persona giusta, con la giusta intensità, nel modo giusto, nel momento giusto e per un giusto motivo, non è nella facoltà di tutti e non è un compito facile.

Ma cosa vuol dire arrabbiarsi in modo giusto?

Il primo passo è sicuramente riconoscere che la rabbia esiste. Si tratta di un’emozione cosiddetta primaria, che proviamo sin dalla tenera età e che da un punto di vista evolutivo rappresenta una risposta alla frustrazione proveniente dall’ambiente circostante. La rabbia ci dice che non siamo d’accordo; reprimerla significa negare una parte dei nostri vissuti, cosa che potrebbe avere ripercussioni anche a livello fisico (per es. i classici mal di pancia!) o a lungo andare sul piano emotivo. Un po’ come quando mettiamo un coperchio su una pentola che bolle, anziché abbassare la fiamma: prima o poi il contenuto uscirà fuori di colpo, bollente e ingestibile.

La rabbia va poi contestualizzata : uno dei rischi principali, quando siamo arrabbiati, consiste nel riversare questa emozione in situazioni ( e quindi su persone) del tutto estranee alle circostanze in cui è scaturita. Ad esempio, se ci siamo arrabbiati al lavoro potremmo prendercela senza motivo con i nostri cari, o viceversa. Riuscire a ridefinirne i contorni è una tappa cruciale per gestirla in maniera appropriata.

inside-out
Dal celebre film Disney Pixar “Inside out”

Infine, è importante riuscire a rintracciare i fattori scatenanti e capire se e come possiamo gestirli. Se ho un rapporto difficile con un collega e questo mi fa arrabbiare, c’è qualcosa che posso fare per alleggerire la situazione (e quindi il mio vissuto emotivo)? Si tratta di qualcosa su cui posso intervenire, o esula dal mio raggio d’azione? Nel secondo caso, non sarebbe meglio imparare ad accettare che alcune cose non possano cambiare? Ricordiamo che ciò che ci fa arrabbiare ci dice qualcosa di più su noi stessi, sui nostri limiti e sulle nostre opportunità.

La rabbia non è necessariamente negativa, perché come abbiamo visto può essere il motore che ci spinge al cambiamento e alla ricerca di soluzioni costruttive. Se repressa, può provocare conseguenze emotive e fisiche sul lungo periodo: in questo caso è bene rivolgersi a un professionista. Puoi prenotare un colloquio presso il mio studio telefonando al numero 3454551671 o compilando questo modulo.