Complessità

Raramente rebloggo: non per un infantile senso di superiorità (“il blog è mio e ci scrivo io!”) ma perché mi domando sempre quanto siano “personali” i post che leggo e quanto potrebbero perdere di intensità se decontestualizzati. Oggi ho pensato valesse davvero la pena ribloggare questo post dal blog da Guido e l’autismo, che seguo e leggo sempre con interesse e che consiglio. Questo post parla di complessità.

Guido e l'autismo

DSC01181

 Anche Guido ha una sua complessità. Quando si tratta di esseri umani, la parola semplice andrebbe usata con molta cautela, soprattutto quando con essa si sia tentati di definire i comportamenti, e ciò che dietro i comportamenti sta, che spesso è destinato a rimanere inattingibile. Guido appare bensì per molti aspetti una creatura primitiva, tanto che io lo definisco a volte scherzosamente un pre-umano, ma in verità non è un essere elementare, e neppure lineare nel suo rapportarsi al mondo, agli ambienti in cui si trova immerso, così difficili da comprendere e che tanto richiedono a lui. Non è facile leggere le espressioni facciali  di Guido, e attribuire un significato preciso ed univoco ad una smorfia, ad un verso o a un sorriso può essere azzardato e portare fuori strada. Un sorrisetto come quello della foto certo comunica uno stato di  benessere, che allieta genitori ed educatori, ma quando…

View original post 209 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...