Che cos’è la sindrome della capanna

L’avvio della fase 2 del lockdown ha significato per molti di noi una graduale ripresa delle attività: pensiamo agli uffici che hanno ripreso con il lavoro in presenza o alle fabbriche che hanno riavviato la produzione. Possiamo vederci ( seppur mantenendo le precauzioni del caso) con i nostri “congiunti” e svolgere attività fisica oltre i 200 metri; in alcune regioni si può passeggiare sul lungomare, in altre andare per funghi.

dimitry-b-FtOzmrLJU-o-unsplash
Photo by Dimitry B on Unsplash

Eppure non per tutti questa novità è stata accolta con sollievo, anzi. Qualcuno sta sperimentando un’intensa sensazione di angoscia all’idea di poter uscire con meno restrizioni , insieme a vissuti di ansia e smarrimento. Cosa sta succedendo?
Una possibile ipotesi è quella proposta da Timanfaya Hernández del Collegio Ufficiale degli Psicologi di Madrid: “Stiamo percependo un numero maggiore di persone in difficoltà all’idea di uscire di nuovo. Abbiamo stabilito un perimetro di sicurezza e ora dobbiamo abbandonarlo in un clima di incertezza… Viviamo nella società del fare: fare sempre cose, produrre sempre.” ( Fonte: El Pais). Saremmo dunque di fronte alla Sindrome della capanna  ( o del prigioniero) : coniata ai primi del ‘900, definiva la condizione di disadattamento delle popolazioni dell’estremo Nord America. Durante i mesi invernali infatti la rigidità del clima imponeva a costoro un vero e proprio isolamento nelle proprie case ( o capanne, appunto) ; al sopraggiungere della bella stagione venivano colti da disorientamento e paura all’idea di potersi nuovamente interfacciare con l’ambiente esterno.

In letteratura non esiste una casistica tale per una vera e propria diagnosi in senso tecnico. Possiamo comunque prendere spunto da questa definizione per cercare di capire meglio cosa stia succedendo in chi in questi giorni riferisce un vissuto di malessere all’idea di dover/potere nuovamente uscire di casa.

Ci è stato descritto un “fuori” fonte di pericoli, tant’è che siamo rimasti nel “dentro” per la sicurezza nostra e altrui. Allo stesso modo, anche la socialità rappresenta un fattore cruciale per la diffusione del virus. La nostra quotidianità è stata stravolta: abbiamo capito quante piccole-grandi cose davamo per scontate, come un caffè al bar con un amico.

La fase 2 rappresenta una prima tappa nella direzione della riapertura. Non è – e nemmeno sarà – come prima. La nostra vita frenetica ha dovuto tirare bruscamente il freno a mano e riprendere la marcia non è così scontato. Proprio come accade dopo uno spavento automobilistico, rimettersi in moto può presentare qualche difficoltà: spavento, paura, smarrimento o rabbia. Ci siamo (ri)scoperti vulnerabili e insicuri.

Come tenere a bada tutte queste emozioni? Innanzitutto, accettandole nella loro dignità di esistenza. Siamo esseri umani e abbiamo tutto il diritto di provarle; rifuggiamo dal cliché che ci vorrebbe sempre pimpanti e pronti a tutto.
Facciamo un passo alla volta, letteralmente, come se fosse una riabilitazione emotiva. Trasformiamo la paura in senso di responsabilità, ricominciamo a uscire pian piano seguendo le direttive igienico-sanitarie. Una buona strategia può essere quella di incrementare la distanza percorsa ad ogni uscita per riabituarsi gradualmente al mondo esterno e alle emozioni del “fuori”.

Questi periodo di isolamento ti ha psicologicamente affaticato e vorresti un supporto? Senti che l’ansia del “fuori” potrebbe sovrastarti? Contattami per un colloquio: puoi scegliere liberamente se svolgerlo da remoto ( telefonata, videoconsulenza,..) o se recarti presso il mio Studio, nel pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie vigenti. Per informazioni e/o prenotazioni puoi contattarmi attraverso i recapiti presenti in questa pagina.

 

 

Quando sparisce un amore: la psicoterapia per elaborare il ghosting

In un recente articolo per Psicologi Online ho affrontato il tema del ghosting (letteralmente, diventare fantasma), cioè la fine di una relazione dovuta a sparizione volontaria di uno dei due partner. Non solo si viene di fatto lasciati, ma non c’è modo di mettersi in contatto con l’ormai ex partner per avere spiegazioni in merito. Le telefonate cadono nel vuoto; ci si ritrova bloccati su tutti i social: da un momento all’altro si è stati completamente cancellati dalla sua vita.

kelly-sikkema-530092-unsplash.jpg
Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

Ognuno elabora la fine di una storia a modo proprio, certo. Nel ghosting però l’accaduto sembra talmente assurdo che la persona lasciata ha bisogno in tutti i modi di trovare un senso all’accaduto. Non essendoci stata una dichiarazione dell’intento di chiudere, ci si muove in un misto di incredulità, preoccupazione, sensi di colpa, rabbia, abbandono, tristezza, sconforto,…

Anna, impiegata di 30 anni, chiede un colloquio perché da circa tre mesi versa in uno stato di profondo malessere psicologico: esce di casa solo per andare a lavorare, il resto del tempo lo passa tra letto e divano in pigiama a piangere e rimuginare sull’accaduto. Non si da pace per essere stata lasciata dopo 8 mesi da Pietro, conosciuto tramite amici a una festa di compleanno. Nonostante fossero di due città diverse e potessero vedersi solo nei week-end la loro storia sembrava andare a gonfie vele: lui era molto presente, attento, premuroso,…
Non è che sia stata proprio lasciata, cioè…ci sono arrivata da sola. Pietro ha smesso di colpo di rispondere alle telefonate e ai messaggi. All’inizio mi sono preoccupata, temevo gli fosse successo qualcosa! Era un mercoledì, sarebbe dovuto venire da me due giorni dopo…e invece mai più visto. Ho provato a scrivergli tramite facebook, lì ho scoperto che mi aveva progressivamente bloccata su tutti i social. Ha fatto la stessa cosa anche con gli amici comuni, perciò con un paio di loro siamo andati sotto casa sua a cercarlo…era in un bar poco distante, mano nella mano con un’altra…

Anna non si capacita dell’accaduto: non sa se questa altra donna fosse presente da prima o se sia arrivata dopo. Darle la colpa l’aiuta a sfogarsi ma non risolve il suo malessere, anzi. Come ha fatto a fidarsi di un uomo così? Possibile che alla sua età si sia fatta abbindolare? Forse era lei a non essere abbastanza per lui?
Più di tutto mi uccide l’indifferenza, la freddezza con cui mi ha tagliato fuori…come se non fossi mai esistita. Preferirei il suo odio, almeno avrei una motivazione. Pietro mi ha devastata, non potrò fidarmi mai più di niente e nessuno, a cominciare da me stessa…come ho potuto essere così stupida da credere che mi amasse davvero? Piango ogni notte finché non mi addormento per il dolore…

La storia di Anna è comune a molte donne ( e uomini, non dimentichiamo che il ghosting non fa distinzioni di sesso!): paradossalmente viviamo in un’epoca super tecnologica dove con un clic possiamo connetterci e con un altro clic bloccarci. Sparizioni di questo tipo ovviamente non sono nuove, un tempo bastava non rispondere più alle lettere, prima ancora dire di essere partiti per la guerra…

Che cosa può offrire una psicoterapia in questi casi?

  • Spazio per la sofferenza: chi viene lasciato di punto in bianco tramite sparizione ha bisogno di un contesto “neutro” dove tirare fuori il suo malessere, senza timore del giudizio, soprattutto per chi prova vergogna all’idea di essere stigmatizzato da amici e parenti;
  • Spazio per la narrazione: raccontare l’accaduto a una persona terza facilita l’esplorazione di nuovi punti di vista. Non c’è la paura di essere ripetitivi o di stancare il terapeuta: ci si trova apposta per parlarne;
  • Spazio per se stessi: ci si prende cura delle proprie ferite, autorizzandosi a pensare finalmente al proprio benessere. Alcuni dichiarano di sentirsi “stupidi” a chiedere aiuto per affari di cuore: non è affatto così, anzi!
  • Spazio per ricostruirsi: pur di cercare un senso alla fine della storia, spesso ci si attribuiscono colpe inesistenti. Darsi una colpa significa recuperare un margine di controllo su un fenomeno imprevedibile ma al tempo stesso è una demolizione dell’autostima. In terapia si impara a volersi bene, ad accettarsi e ad amarsi senza mortificazione;
  • Spazio per il futuro: dopo un ghosting si rimane incagliati in un magma di dubbi, domande irrisolte ed emozioni negative. Elaborando l’accaduto in terapia si inizia a voltare lo sguardo in avanti, consapevoli del passato e di ciò che si può imparare per stare meglio.

Puoi prenotare una consulenza per ghosting presso il mio studio oppure tramite videoconferenza. Insieme valuteremo come impostare un percorso insieme per elaborare e gestire l’accaduto, ritrovando autostima e benessere. Per fissare un appuntamento puoi telefonarmi al numero 3454551671 oppure scrivermi attraverso questo modulo.