Fare i conti con la frustrazione

Dicesi frustrazione :


[dal lat. frustratio –onis «delusione», der. di frustrare «frustrare»]. – 1. Sentimento di chi ritiene che il proprio agire sia stato o sia vano: provare un senso di frustrazione2. In psicologia, condizione di tensione psichica determinata da un mancato o ostacolato appagamento di un bisogno; può avere cause esterne, o interne.

Da questa ottima definizione della Treccani possiamo dedurre che alcune cause di frustrazione possono essere controllate, altre meno.

Photo by Andre Hunter on Unsplash

Per esempio, mentre sto elaborando questo post sto provando frustrazione perché i lavori del vicino e la linea internet ballerina influiscono negativamente sulla mia concentrazione. Come posso intervenire?
– I lavori stanno seguendo le regole, ho messo gli auricolari e avviato una playlist “brain power per non farmi innervosire oltre dai rumori;
– ho contattato l’operatore telefonico, comunicando i rallentamenti sulla linea. Hanno preso in carico la mia segnalazione ma non verrà risolta in tempi brevi. Sto scrivendo il mio articolo offline, in attesa di avere una connessione più stabile per caricarlo sul blog.

Queste sono le soluzioni che ho messo in campo io; non saranno le migliori in assoluto ma sono quanto di più rapido mi sia venuto in mente. Fare è meglio che disperare, dicevano gli anziani.

Ovviamente esistono tutta una serie di frustrazioni sulle quali non possiamo intervenire direttamente. Pensiamo a quelle di tipo sentimentale: “lui/lei non mi vuole“. C’è poco da fare in questo caso, se non accettare che:

La frustrazione può anche insegnarci qualcosa su noi stessi e sull’importanza che attribuiamo agli eventi: toppa? Poca? Troppo poca?
(NB, potrebbe esserti utile anche un piccolo esercizio di scrittura espressiva).

La prossima volta che ti sentirai un po’ frustrato/a prova a vedere la situazione con altri occhi. Parti da una visione di insieme e dall’esterno, per poi scendere nel particolare.
C’è qualcosa che avresti voluto fare e che non hai fatto?
Avresti oggettivamente potuto farla?
Su che cosa puoi focalizzarti adesso?
Cosa hai imparato per la prossima volta?

La frustrazione può avere radici profonde e pervadere la tua quotidianità. Possiamo affrontarla insieme: prenota ora il tuo colloquio – in Studio o in da remoto – contattando i recapiti presenti in questa pagina.

Gli effetti benefici della natura sulla percezione dell’immagine corporea: una ricerca

Secondo una recente ricerca immergersi nella natura può produrre benefici sulla percezione della nostra immagine corporea.

IMG_20170815_193357937.jpg
Il gruppo di ricerca condotto da Viren Swami dell’Anglia Ruskin University in Cambridge ha pubblicato i risultati di una serie di studi atti a valutare la presenza di un legame tra fruizione della natura e immagine corporea.
In un primo esperimento, a un gruppo di studenti universitari sono state somministrate delle foto: metà dei partecipanti hanno visto immagini di paesaggi urbani (città, fabbriche, strade asfaltate), gli altri paesaggi naturalistici (foreste, montagne, laghi…). Prima e dopo la somministrazione delle foto i partecipanti hanno compliato un questionario di valutazione della propria immagine corporea, con domande specifiche sul rapporto con il proprio peso e le proprie misure.
Coloro i quali avevano visto foto di paesaggi naturalistici mostravano una maggior soddisfazione rispetto al proprio aspetto fisico; l’altro gruppo non mostrava cambiamenti significativi rispetto al primo test.

In un ulteriore studio, la somministrazione delle foto è stata sostituita da vere e proprie passeggiate: a parità di lunghezza del percorso, un gruppo ha camminato nella natura, l’altro all’interno di un contesto urbano. Anche qui, chi si era relazionato con la natura mostrava un miglioramento nell’accettazione della propria immagine corporea.

Secondo i ricercatori, alla base di questi risultati potrebbero esserci diverse spiegazioni:
– la natura potrebbe aiutare a distaccarsi fisicamente e mentalmente dai problemi legati all’apparenza;
– lo stato di quiete favorito dalla fruizione dei paesaggi potrebbe facilitare la self- compassion e l’accettazione di sé;
– prendere contatto con la vastità dei paesaggi innescherebbe il ridimensionamento dei propri problemi.

Quindi, che amiate il mare o la montagna, i laghi o le pianure, appagate mente e spirito con le meraviglie che ci circondano! E se oggi non vi è possibile lasciare la città, immergetevi in un paesaggio come questo del filmato:

 

Hai un rapporto complicato con la tua immagine corporea? Avverti un forte calo della tua autostima? Prenota un colloquio presso il mio studio telefonando al numero 3454551671 o compilando questo modulo.

Il coraggio

L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio, è incoscienza.

giovanni-falcone

Questa citazione è una della frasi più famose pronunciate dal Magistrato Giovanni Falcone. Mi è capitato di rileggerla oggi, in occasione dell’ anniversario del barbaro attentato in cui venne ucciso insieme a sua moglie Franceca Morvillo e ai tre uomini della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.
Questa parole mi emozionano ogni volta, non solo per il contesto che evocano ma per il passaggio che evidenziano: per non farmi condizionare dalla paura devo prima vederla, riconoscerla,accettarla. Solo dopo questo processo potrò sperimentare il coraggio.
Mi piace rintracciare un’assonanza con il concetto di guarigione: per stare bene devo prima riconoscere di star male. Il cambiamento non può prescindere da una fase di accettazione, sennò cosa mai dovrei  modificare?
Esistono condizioni che non possono esser totalmente modificate, però possiamo modificare le modalità con cui ci rapportiamo ad esse.